.
Annunci online

Idolo

21 ottobre 2017
Non si affitta a meridionali
Tutti si scandalizzano e fanno finta che sia la prima volta. La storia viene da lontano, dall'ultima migrazione dal sud ad opera della Fiat di Agnelli. Tempi duri.La valigia di cartone.Non si affitta a meridionali campeggiava sul portone di un palazzo nel centro. Non credevo ai miei occhi! Provenivo da un lungo periodo all'estero. Avevo qualche difficoltà con l'italiano. Ci provai lo stesso non senza aver prima messo la museruola a mia moglie. Era casalinga ed aveva conservato un marcato accento...Il proprietario rimase incantato e cedette smentendo i suoi imperativi. Mio padre aveva fatto la guerra del 15/18, mio fratello, ufficiale pilota era morto nel mare di Taranto alla guida di un S/79 in prova, Un cugino di mio padre era morto in Russia al comando di un reggimento di fanteria, io ero stato più fortunato. Il Dio degli eserciti, pensando forse ai sacrifici fatti per questo stato di m... proprio in Russia, mi aveva risparmiato.Avevo fatto si la ritirata, ma ne ero uscito miracolosamente illeso. Fui subito assunto in un ufficio importante come traduttore. Mi guardavano come un alieno. Non avevo la particella. Lì mi narrarono delle grandi difficoltà dell' Olivetti nello stabilimento che aveva creduto bene e stoltamente di impiantare a Napoli. Quelli, affetti dalla decadenza delle razze mediterranee proprio non ce la facevano. Pensate un po': nelle vasche da bagno del civilissimo nord ci seminavano il prezzemolo, ma si può?E la stampa con sadica soddisfazione titolava: Meridionale tira un calcio nella pancia della moglie incinta. Fu allora che l'ingegner Olivetti, parlo dell'Adriano che era un galantuomo, ci tenne a precisare sulla Stampa che i metodi di arruolamento essendo identici fra il nord e il sud si trattava di dicerie  malevoli e prive di fondamento. Oggi l'Olivetti non esiste più e non è il sud che l'ha distrutta, ma l'incompetenza dei vecchi padroni del vapore che erano diventati tali depauperando il mezzogiorno. E quando vedo al mercato gente di ogni provenienza e di ogni colore mi domando se si rendono conto del merdaio che li circonda. Altro che terroni!



permalink | inviato da Idolo il 21/10/2017 alle 8:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

9 ottobre 2017
I Trenta tiranni
Forse più, forse meno. Parlo degli oligarchi che si stanno posizionando per assicurarsi le loro poltrone e per scegliersi i loro cosiddetti onorevoli che dovranno obbedire ai loro ordini. Mi domando se non sarebbe più semplice buttar giù la maschera e dire più semplicemente: Qui comandiamo noi! Tanto, anche se fanno finta di selezionarli loro al nostro posto per il bene del paese s'intende, hanno un fiuto talmente deteriorato che nemmeno quello gli riesce bene.E poi, non converrebbe nemmeno sceglierne di più furbi di loro i quali gli farebbero subito le scarpe ed è questa forse la vera ragione che di questa classe dirigente fa una nullità di fatto-. Si rincorrono, si accapigliano senza che nessuno riesca a capire il come e il perché. Intanto, il paese affonda e chi se ne frega. Noi ci facciamo esclusivamente i cazzi nostri. Ci avete qualcosa da ridire? E se ce l'avete non ce ne fotte proprio niente. Intanto la gente non va più a votare e anche di questo non ce ne fotte proprio niente, anzi. Una banda di coglioni da qualche parte la troviamo sempre. L'Italiano ha un unico obbiettivo:fregare il prossimo e passargli davanti non per vergognarsi, ma per esprimere la sua tronfia e superbiosa soddisfazione: "Ti ho fregato perché sono più furbo di te ed è questo quel che conta nella vita.



permalink | inviato da Idolo il 9/10/2017 alle 10:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia settembre        novembre