.
Annunci online

Idolo

14 luglio 2017
Ma quante strane circostanze...
Prima ci hanno fatto una testa così sulla solidità del nostro sistema bancario, poi il colpo di stato per disarcionare il Governo Letta, poi l'arrivo dell'uomo solo al comando e subito dopo il Banco Etruria con la figlia del banchiere in posto di comando messa lì dal figlio di un altro banchiere, in effetti le persone giuste al posto giusto nel momento giusto, poi le Banche venete, poi le vendite a un euro, poi finalmente chi si è riempito le tasche? Ma non era già tutto programmato? Lo sanno tutti, ma è vietato rivelarli: Bello eh! Protezione totale per tutti i ladri di stato. Ci sarà la solita Commissione che indagherà, passerà il tempo, la gente dimenticherà, chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato. Ora quel signore, con la sicumera che lo distingue viene in televisione a raccontarci la storia del lupo che mangia l'agnello. La sua presenza in posti di comando ci è costata nel giro di tre anni un numero incommensurabile di miliardi. Nessuno è in grado di dire con certezza quanti ed è una vera fortuna per il popolo italiano l'essersi svegliato in tempo per evitare il diluvio che si stava preparando. Le banche intanto hanno azzerato il risparmio di famiglie che sono rimaste col culo per terra e non fa differenza tra azionisti e obbligazionisti tutti scrupolosamente tosati a dovere se si vuol tacere di quei poveri tapini che erano dei piccoli risparmiatori. I più fessi si son tolti la vita. Il libro, già il libro, ma vada in mona e ci liberi della sua presenza. Di danni ne ha fatti abbastanza. Ma era proprio indispensabile mettere al vertice delle istituzioni, in quel momento, ma proprio in quel momento, il figlio di un banchiere e la figlia di un altro banchiere proprio nel momento in cui le banche avevano truffato i loro clienti e avevano bisogno di gente fidata per aprire l'ombrello e versare l'acqua sui cittadini?



permalink | inviato da Idolo il 14/7/2017 alle 9:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

9 luglio 2017
Dopo una lunga pausa-----
mi è spiaciuto molto questo lungo inaspettato silenzio. Ho pensato a tante cose, forse ad argomenti da me trattati con eccessiva libertà di pensiero che suggerivano o imponevano qualche restrizione e di questo blog mi era rimasto solo il ricordo che in questi giorni ho rivisitato con cura rivedendo pensieri e considerazioni. Per la parte storica più propriamente, in particolare di quella unitaria ho sempre dato cifre e documenti giustificativi e soprattutto le cifre che non mentono mai e quando si dice che un certo complesso cotoniero impiegava ai suoi tempi migliori dodicimila addetti si può solo smentire o tacere. E quando si parla di deindustrializzazione si deve ammettere a denti stretti che essa è venuta dopo non prima per la decisione scellerata di concentrare tutto nel triangolo industriale Torino, Genova,Milano creando così un proletariato protetto al nord e uno non protetto al sud cui fu lasciato come unico scampo la fuga all'estero. "Partono i bastimenti, per terre assai lontane, partono e a bordo son napoletani....".ed è un fatto che a tutt'oggi al sud non vi sia una sola banca diciamo così nazionale.Mi rendo conto che a Melendugno il Governo usa il bastone che non ha mai usato altrove che in Lucania la difesa dell'ambiente è diventata questione di vita e di morte, che al Pertusillo ci sono gravi problemi, ma sempre e tutti al sud. Il Sud si è fatto dieci guerre per interessi che non erano suoi, e la storia della Brigata Catanzaro riportata alla luce dal D'Annunzio non la dice lunga su quanto si è chiesto a sud in termini di sofferenze e di vite? Per caso, non sarebbe ora di finirla? Vi state attaccando pure alle piante che ricordano i tempi di Platone e di Aristotele. L'olio lo toglieremo ai pugliesi e lo daremo ai tunisini.Logico, non vi pare? Non Invocate l'errore di pagina per favore. Se non vi sta bene..... 



permalink | inviato da Idolo il 9/7/2017 alle 13:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia marzo        agosto